Il giro del mondo in otto ore

Inizio questo post scusandomi di averci messo tanto a far uscire qualcosa dei miei manga. A inizio anno ho deciso di buttare via il calendario delle uscite che mi ero fatta (e che avevo stilato comunque arrivando solo fino al 2 febbraio) e di prendermela comoda, ma speravo davvero di pubblicare qualcosa prima. Confesso anche che non avevo molta voglia di tradurre ed editare, e che ho preferito di gran lunga dedicarmi a Dae Jang-geum per il TFPA Subbing Team. Non so prossimamente come andrà, visto che l’1 marzo comincio a lavorare e avrò meno tempo a disposizione per i manga – molto meno rispetto a ora, ma non sarà alla fin fine tanto diverso da com’era fino a novembre. Almeno spero. 🙂

Passiamo alla presentazione di questa uscita, però, ovverosia il capitolo 5 di Corrector Yui ver. 2. In un bel giro virtuale attorno al mondo di ottanta giorni, che nel mondo reale dura solo otto ore, Yui e i Virtuali arrivano a scoprire la fonte del Bugrus, o comunque qualcuno che vi è molto vicino. Sono contenta che la storia faccia passi avanti e il prossimo capitolo si preannuncia interessante, anche se non ho ancora iniziato a tradurlo, gli ho solo dato una sbirciatina. Ah, ho reso anche disponibili le raw del volume 2, che ci eravamo dimenticate di postare a Natale. Adesso vedrò di mettermi in pista per finire qualcosa di Mahou Tsukai Pretty Cure!. Buona lettura!

For our international readers: if you’re interested, you can find the first two volumes of Corrector Yui ver. 2 in Japanese in About > Raw section.

Annunci

Buon Natale 2018!

Tanti auguri di Buon Natale, buone feste e, già che ci siamo, buon 2019 a tutti i nostri lettori e seguaci. Non ci sono parole per esprimere quanto sia bello essere di nuovo qui anche quest’anno. Vi auguriamo buona lettura della nostra uscita natalizia, che per qualche giorno disperavamo di riuscire a dare alla luce tanto eravamo indietro…
A presto!

I giorni da sogno di Yui

C’è stato un momento ieri sera in cui ho temuto di dover ritardare di un giorno l’uscita del terzo capitolo di Corrector Yui ver. 2 perché forse chiyako non avrebbe fatto in tempo a leggermelo, ma per fortuna c’è riuscita, e non c’erano neanche troppi strafalcioni da correggere. Sto un po’ facendo la corsa con queste pubblicazioni perché non ho tanto tempo, Natale è dietro l’angolo e voglio preparare una release ricca, ma intanto ne ho programmata un’altra nel mezzo, pertanto non mi dilungo e corro subito a lavorare. Nel frattempo Yui realizza tutti i suoi sogni: da mangaka a doppiatrice, da cantante ad attrice. Beata lei, ma sarà tutto vero?

La bambina smarrita

LabambinasmarritaBuon ultimo di ottobre a tutti, oggi secondo appuntamento con Corrector Yui ver. 2. Lo so, le nostre streghette di Mahou Tsukai Pretty Cure! sarebbero state più adatte all’occasione, ma il capitolo non è ancora pronto. Mentre ancora cercano di scoprire da dove siano spuntati i bugrus, Yui e i Virtuali tentano disperatamente di affrontarne uno prima che Corrector Ai glielo soffi da sotto il naso e la nostra eroina si fa sempre più gelosa della nuova rivale in rete, ma anche di quella nel mondo umano, cioè la cugina di Shun, andata a vivere da lui (suvvia, Yui, è una sua parente!). Intanto Freeze passa da un lavoro all’altro – a quanto pare non ci sono problemi occupazionali a ComNet – finché non le viene chiesto di trovare una bambina smarrita…

Visto che il volume è finito, potete trovare le raw nella nostra sezione apposita. Buon Halloween!

Ritorno a ComNet

Ci eravamo lasciati il 17 aprile 2012 con una speranza: poter un giorno leggere il seguito di Corrector Yui. Be’, quel giorno è oggi. È con enorme piacere che vi annuncio che abbiamo le raw di Corrector Yui ver. 2 di Keiko Okamoto, anzi, per la precisione proprio i volumetti fisici, che mi sono fatta regalare lo scorso Natale. Un piccolo investimento, ma che ne vale la pena, considerato che i quattro volumi adattano la seconda stagione dell’anime, nella quale compare Corrector Ai, una Virtuale molto misteriosa. In ogni volume ci sono due soli capitoli, quindi vi lascio al primo, bello corposo, di 80 pagine. Buona lettura e riscoperta di personaggi che non vedevamo da un po’.

Ma qualcuno sa dirmi perché la Mediaset chiamò Shun “Satoshi”?