I sentimenti di Nozomi

NozomitremanteQuando ho letto il post di compleanno di Chiyako, nel quale lamentava la mia taccagneria nel concederle un solo capitolo di Yes! Pretty Cure 5, le ho detto «Be’, effettivamente potevo lasciarti anche il 10, lo avevo appena finito». Perché, mentre di 170cm Otomechica ho più da dire quando lo posto, con Pretty Cure c’è sempre un po’ il solito problema della scarsità di argomenti, data la brevità del capitolo. In questo, detto in parole povere, Nozomi si rende conto dei suoi sentimenti per Coco. Mi piace che a esso siano seguiti altri capitoli sulle difficoltà di questa coppia, divisa da status, mondi e specie, perché diciamocelo: Nozomi, alla fin fine, si è innamorata persa di un tanuki, e le reazioni sono ambivalenti. Buona lettura.

Un coordinato che fa innamorare

OtomeNanaoNel numero di febbraio della rivista CiBi, ho letto un articolo interessante sulle proteine del quale voglio condividere il contenuto, riassunto, con voi. Le proteine sono necessarie al corpo per svolgere tutte le sue funzioni e, in particolare, l’essere umano ha bisogno, al giorno, di 1 grammo di proteine per ogni chilo di massa magra. Assumere questa quantità di proteine, però, non basta. Ogni proteina è formata da una combinazione di amminoacidi (ce ne sono venti tipi diversi) ed è di questi ultimi che il nostro corpo ha bisogno per il ricambio cellulare. Nel 19° secolo, lo scienziato François Magendie provò a nutrire dei cani solo a gelatina – che è una ricca fonte di proteine, è economica e senza calorie –, ma notò che gli animali morivano, proprio perché la gelatina conteneva solo in parte gli amminoacidi necessari.

Ma questo cosa c’entra con la release di oggi? Be’, questa storia della gelatina mi ha fatto tornare in mente Otome, che nel capitolo 2 di 170cm Otomechica, provò a dimagrire mangiando solo gelatina, con pessimi risultati. Oggi tocca al capitolo 7, meno uno al finale. Buona lettura.

La fata che è in me

Otomechica6Buon giorno di Marte, lettori e lettrici! Sono fiera di pubblicare oggi il capitolo le cui prime pagine mi hanno portato a fare 170cm Otomechica: è il capitolo 6 e l’ho subito riconosciuto appena l’ho aperto. Cosa posso dire? Ho scoperto che è il mio preferito di tutta la serie, con il titolo più bello, e una storia commovente nella quale Sakura Megu dimostra ancora una volta la sua espressività con dei bellissimi volti dei personaggi ❤ ❤ ❤ . Si continua con la sfida partita alla fine del capitolo precedente, che vede le partecipanti alla seconda selezione dei Cinderella Girl Awards dover scegliere abito e trucco adatti a una vera fata. Buona lettura. Ormai siamo alla fine…

 

Nozomi, Coco e un aspirapolvere per la piscina

AspirapolvereBuon mercoledì a tutti! Quanto è bello pensare che la settimana inizia oggi e tra due giorni è di nuovo vacanza? Trovandomi a chiudere a breve un po’ di serie, e in particolare i recuperi del Pretty Cure Project, mi torna in mente quando, parecchi anni fa, ignoravo molti dei meccanismi del manga di questa saga: ancora non sapevo della doppia versione della prima serie, mi chiedevo come avessero potuto far uscire su 12 numeri di Nakayoshi un numero ben maggiore di capitoli di Pretty Cure Splash Star, e ignoravo sia l’esistenza di Nakayoshi Lovely, sia che su quest’ultimo fossero stati pubblicati dei capitoli extra. A questo proposito, fu illuminante il sito giapponese MoeMoe, che ancora oggi commenta ogni numero di Nakayoshi, Nakayoshi Lovely, Ciao e Ribbon, dedicando tre righe a ciascuna serie ivi contenuta. Per orientarmi e poter identificare eventuali pagine random trovate in rete, mi tirai giù qualche appunto dei capitoli che non avevo; in particolare, per il capitolo di oggi di Yes! Pretty Cure 5, il 7.5 (numerato così perché è uno di quelli di Nakayoshi Lovely e si colloca temporalmente tra il 7 e l’8), scrissi “Nozomi, Coco e un aspirapolvere per la piscina (???)”. Una cosa incredibile, ma che, capitolo sotto mano, si è rivelata vera: quindi, vi lascio alla nostra coppia d’oro – al momento ancora studente-prof – che si diletta con un robottino per le pulizie. Buona lettura.

Fai un incantesimo alla ragazza cicciotella!

SpicaTookoCari lettori e care lettrici, buona Pasquetta a tutti! Ieri release sul TFPA, oggi tocca a Mangaland. Sono contenta di non essere l’unica a cui piaccia 170cm Otomechica e la cosa è confermata anche dal numero di download in crescita. Dopotutto, come si può non apprezzare una serie così fresca e piacevole che dà anche una grande botta di autostima? Ne è un esempio lampante il capitolo 5: i Cinderella Girl Award sono in pieno svolgimento e per andare avanti Otome si ritrova a dover imparare come mettere in risalto se stessa – anzi, Spica – senza ricorrere all’aiuto di Nanao. Provvidenziale sarà la comparsa sulla scena di una ragazzina cicciottella e insicura, e vi sfido a non commuovervi un po’. L’unico mio rammarico è che al capitolo 8 finisca tutto: ho iniziato a tradurre ieri le prime pagine e tengo le dita incrociate per un finale che renda giustizia a tutto quello che Sakura Megu ha intessuto finora. Come sempre, buona lettura! ❤